ItalianoInglese

La storia

La casa Fiaschi in breve divenne rifugio per tutti, nonna Giulia la mattina si alzava presto accendeva il fuoco nel camino e preparava una pentola d'orzo per operai e bambini della scuola che lasciavano qui le loro biciclette. Mio nonno, invece, lavorando giorno e notte aveva dotato la sua casetta di molte comodità. Aveva costruito un pozzo, dove le poche famiglie del vicinato potevano attingere all'acqua fresca anche in estate, un forno dove una volta alla settimana si riunivano le donne per fare il pane fresco e polli arrosto. Nei giorni vicini alle festività venivano cotti i più svariati dolci tipici senesi come: ciambelloni, schiacciate, cantucci e tutt'intorno si propagava un intenso miscuglio di deliziosi profumi. All'epoca dopo cena era bello riunirsi insieme al vicinato intorno al camino o fuori al fresco per raccontarsi vecchie storie o intonare canti popolari. Il tempo passava e Otello, mio padre, trovò l'amore in una ragazzetta che venne ad abitare li vicino, che si chiamava Primetta. Nel 1946 nacqui io Alessandra, io stessa ho avuto la fortuna di respirare quel bellissimo clima di pace e felicità. Così per tenere vivo il ricordo ho chiamato mio figlio Ferruccio, come mio nonno, e ho voluto che questa casa rimanesse sempre della mia famiglia ed è per questo che ho deciso di creare "A Casa Mia" di Fiaschi Alessandra una piccola struttura alberghiera. Ad oggi la struttura si chiama "Piccolo Hotel Chianti" di Fiaschi Alessandra, accogliente albergo previsto di ampie camere.

Inoltre finalmente è stato realizzato anche il sogno del ristorante interno dove offriamo ai nostri clienti pietanze tipiche senesi e toscane.

Spero di poter mantenere e proseguire l'opera di accoglienza che è sempre regnata in queste mura.